Post in evidenza

Warfare Revolution

Some of the world’s leading robotics and artificial intelligence pioneers are calling on the United Nations to ban the development and us...

venerdì 25 gennaio 2008

SUICIDI VIA INTERNET 2.0

24 gennaio 2008

Sette giovani si sono tolti la vita in un anno in alcune piccole città del Galles del Sud. Nella polizia di Bridgend cresce il terribile sospetto che i ragazzi abbiano deciso di uccidersi facendo un "patto" suicida su internet.

L'ultima vittima è la diciassettenne Natasha Randall. La ragazza è stata trovata morta la scorsa settimana nella casa di famiglia a Blaengarw, vicino Bridgend. Il giorno dopo, altre due ragazze hanno tentato il suicidio senza successo.

Dei sei ragazzi che si sono tolti la vita, impiccandosi, nell'ultimo anno, alcuni avevano pubblicato i propri profili sullo stesso sito internet, un social network frequentato dagli adolescenti britannici. Dopo ogni morte, sul sito sono comparsi epitaffi in stile SMS. Prima di morire, Natasha aveva postato on-line dei messaggi in memoria di Liam Clarke, ventenne trovato morto in un parco di Bridgend lo scorso 27 dicembre: «RIP (riposa in pace), caro Clarky! Mi mancherai. Ti voglio bene». Liam era amico di un'altra vittima, il coetaneo Thomas Davies, che si era tolto la vita due giorni dopo il funerale di David Dilling, altro ragazzo suicidatosi.

Dopo questa serie di suicidi molti ragazzi hanno creato delle pagine web per rendere omaggio ai sei giovani. Due giorni dopo la morte di Natasha, altre due coetanee della stessa Bridgend hanno cercato di suicidarsi. Una di loro è tuttora in rianimazione. Tim Jones, sovrintendente della polizia di Bridgend, è convinto che tutti questi suicidi siano collegati tra loro. Potrebbe anche entrarci l' "effetto copycat".

La madre del ventenne Thomas Davies accusa Internet di alimentare un pericoloso senso di irrealtà: «Questi ragazzi non sanno comunicare i loro problemi con gli adulti. Devono poter parlare con qualcuno, anche solo per telefono. Invece passano ore davanti al terminale, o a mandarsi SMS».

Anche il padre di Liam Clarke teme che una trama ferale unisca queste morti: «Non sappiamo che cosa stia succedendo, è stranissimo che ci siano stati tanti suicidi a Bridgend. Non sappiamo se sia un culto sinistro o se si tratti di suicidi copiati, o se ci fosse un bizzarro patto suicida. Non abbiamo idea di che cosa pensasse Liam, siamo all'oscuro di tutto».


Nessuno ha ancora ricostruito la catena di autodistruzione che lega la prima morte di un diciottenne disturbato, Dale Crole, che era stato in riformatorio, a quella del suo migliore amico e coetaneo David Dilling, a quella del tranquillo Thomas Davies, ch si è ucciso dopo aver comprato il vestito per il loro funerale. Nessuno ha ancora capito che cosa c'entrino queste morti con il successivo suicidio di Zachary Barnes, un diciassettenne bravo e volonteroso, amico di Davies, e con quello di Liam Clarke, e con quello di Gareth Morgan, 27 anni e padre di una bambina di otto, che in città veniva considerato un gigante buono.


Anne Parry, dell'organizzazione «Papyrus» per la prevenzione del suicidio, dice: «Sono tre anni che ne parliamo. I social network di Internet possono essere particolarmente pericolosi. Possono dare molto appoggio ai giovani, ma possono anche fare l'opposto e alimentare sensazioni suicide».


Una portavoce del social network Bebo promette: «Collaboreremo con gli inquirenti e siamo impegnati a fornire ai nostri membri un ambiente online il più sicuro possibile».


COMMENTO:


Quanto riportato è cronaca. Personalmente, ritengo che il problema, ovviamente, non sia internet, che però contribuisce a diffonderlo. Mi chiedo cosa spinga così tanti giovani in tutto il mondo a toglersi la vita in questo modo. Comunque, è un segno dei tempi.



Suicidi via Internet

Tendenze suicide 6

Effetto copycat



vota su


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.
Posta un commento
Share/Save/Bookmark
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ratings by outbrain

PostRank