Post in evidenza

Warfare Revolution

Some of the world’s leading robotics and artificial intelligence pioneers are calling on the United Nations to ban the development and us...

giovedì 26 febbraio 2015

Deep Mind Il Robot impara a giocare


La corsa all'Intelligenza artificiale comincia da 'Space Invaders', il videogioco che alla fine degli anni '70 si è affermato con un grandissimo successo. La novità è nel fatto che, a distanza di oltre 40 anni, a giocarlo non è un adolescente, ma un sistema di Intelligenza artificiale, il primo ad avere una grandissima capacità di imparare. 






È descritto sulla rivista Nature, che gli ha dedicato la copertina, ed è stato messo a punto in Gran Bretagna, dall'azienda specializzata in Intelligenza artificiale DeepMind, recentemente acquisita da Google.


Il sistema si chiama DQN (deep Q-network) e Space Invaders non è la sua unica 'palestra'. Finora infatti ha imparato a giocare altri 48 videogiochi, tutti semplici come quelli degli anni '70 ma tutti molto diversi fra loro (dalle corse di auto alla boxe), e lo ha fatto 'da solo', a partire da pochissimi dati. 

È la prima volta che un sistema intelligente impara a giocare proprio come farebbe l'uomo: guardando le immagini e trovando la strategia vincente sulla base dei punteggi totalizzati, spiega Giorgio Metta, direttore della iCub Facility dell'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) di Genova.


Questo significa che il sistema è in grado di compiere azioni complesse sulla base di pochissimi elementi, come le immagini dei pixel del videogioco e il punteggio ottenuto. Il sistema, spiega Metta, non viene cioè programmato per giocare secondo la strategia vincente, ma scopre da solo il segreto per vincere proprio come farebbe un adolescente alle prime armi. 

''Il metodo basato sulle reti neurali - aggiunge l'esperto - permette di elaborare quantità di dati elevate creando una rappresentazione interna, come se li comprimessero''.

Per i suoi 'artefici' non ci sono dubbi che DQN segni l'inizio di una nuova era dell'Intelligenza artificiale, con l'arrivo di sistemi non programmati per compiti specifici, ma con una capacità di apprendere finora inimmaginabile.

La corsa all'Intelligenza artificiale parte da Space Invaders Il primo sistema che impara a giocare 25 febbraio 2015


Google's AI Masters Space Invaders (But It Still Stinks at Pac-Man) February 25, 2015

Posta un commento
Share/Save/Bookmark
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ratings by outbrain

PostRank