Post in evidenza

Robot Apocalypse

Professor Stephen Hawking has pleaded with world leaders to keep technology under control before it destroys humanity.

mercoledì 24 giugno 2015

Inviato il primo messaggio quantistico spaziale

Per la prima volta al mondo è stata eseguita con successo una trasmissione di dati quantistica con un satellite, sulla distanza record di 1.700 chilometri. 



I dati sono stati "impacchettati" in particelle di luce e inviati al satellite Lares, lanciato dall'Asi nel 2012 e la cui superficie è coperta da specchi. 

Una volta raggiunti dal fascio luminoso, gli specchi lo hanno riflesso verso la stazione ricevente a Terra. 

È un passo decisivo che avvicina le comunicazioni quantistiche, impossibili da intercettare. Cercare di catturarle significa infatti, automaticamente, distruggerle.


Una comunicazione quantistica su una distanza di 1.700 chilometri ''è una prima assoluta nel mondo'', ha detto il presidente dell'Asi, Roberto Battiston

Trasmissioni dati quantistiche erano state finora tentate a Terra, ma su distanze dieci volte inferiori. Autori dell'esperimento sono Paolo Villoresi, dell'Università di Padova, e Giuseppe Bianco, del Centro di Geodesia dell'Asi a Matera.

"Quello di Matera - ha rilevato Battiston - è un punto di riferimento mondiale per la geodesia spaziale'', ad esempio per ottenere misure precise della posizione della Luna e dei satelliti con precisione millimetrica''. 

Per Battiston "è un grosso risultato che pone l'Italia all'avanguardia in un settore dalle applicazioni industriali importanti".

Teletrasporto quantistico: oggi i dati, domani anche la materia? 24 giugno 2015

In realtà i record battuti dall’esperimento italiano sono due. Il primo riguarda la distanza tra i punti che hanno scambiato tra di loro i fotoni, «messaggeri» dell’informazione tramite la luce. Hanno percorso 1.700 chilometri, «battendo grandemente il record» precedente, commenta il presidente dell’Asi, Roberto Battiston. 

Non solo. Per la prima volta la comunicazione quantistica ha riguardato uno scambio tra terra e spazio, utilizzando un satellite come ricevente del messaggio cifrato.

«C’è una gara in atto a livello mondiale tra chi riesce a comunicare dalla distanza più lunga con questo segnale», specifica Battiston. E l’Italia ha vinto la sfida. 

La caratteristica principale della comunicazione quantistica è l’uso di un principio fisico anziché di un algoritmo per rendere indecifrabile una comunicazione a chi non ne possiede la chiave. L’obiettivo dell’esperimento, perfettamente riuscito, era proprio quello di «riuscire a scambiare una chiave, di modo che quando un soggetto terzo perturba la comunicazione, “origliando”, venga subito scoperto», chiarisce il professor Paolo Villoresi. 

L’esperimento è stato realizzato dal Quantum Future Research Group dell’Universita di Padova, che ha potuto contare sul budget dei fondi strategici di ateneo, e dal centro di Geodesia spaziale dell’Asi a Matera, il quale vanta «la stazione di telemetria laser più performante del mondo», specifica Giuseppe Bianco della società e-Geos (80% Telespazio, 20% Asi).

Posta un commento
Share/Save/Bookmark
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ratings by outbrain

PostRank