Post in evidenza

Robot Apocalypse

Professor Stephen Hawking has pleaded with world leaders to keep technology under control before it destroys humanity.

giovedì 2 marzo 2017

"Horizon Zero Dawn" The World Without Us

Horizon (Sony)mette in scena la vendetta della natura. Racconta di un pianeta dove la civiltà che conosciamo è scomparsa da secoli. Una Terra popolata di animali selvaggi fatti però di metallo, cavi, sensori.



Nuova specie di dinosauri evoluti per proprio conto dai robot che costringono quel che resta di noi a nascondersi in villaggi regrediti alla tarda antichità protetti da palizzate alte sulle creste delle montagne o alla fine di valli profonde. La classica opposizione, comune nel mondo Occidentale, fra natura e tecnologia è stata eliminata. La natura in Horizon è anche tecnologia e ha deciso di metterci da parte.


In 2007, I and thousands others read the hit nonfiction book The World Without Us. Unlike most human extension speculation, the reporting of Alan Weisman was more fascinated in what happens to the world following a cataclysmic event, rather than to its population. How long would it take for any proof we ever existed to disappear?
Two years later, a small team at a video game developer known exclusively for first-person shooters began work on Horizon Zero Dawn. The game is described by its creators as a post-post-apocalyptic game, an adventure set over a thousand years after the fall of civilization as we understand it. You can see Weisman's inspiration. This is a new Stone Age with water, forests, and fauna overgrown on the few bits of concrete skysrapers that haven't been eroded into dust and mud.
You play as Aloy, a woman who seems to have broken from her tribe. She has a gift for hunting these creatures who, and here's where it gets weird, are actually machines. They look like deer and elephants and snakes and all sorts of beasts, if those beasts were designed with the leftovers from the Killzone art department. It works. You wouldn't think so, but the design is beautiful.
Now, the folks from Guerrilla Games won't talk about the machines, but it seems pretty obvious that this is a version of Earth in which artificial intelligence has taken over the planet and replicated animals with robots as a mean to preserve planet Earth. When Aloy kills one of the creatures, she apologizes but she couldn't allow it to call for help. She then harvests it for parts.
As the demo rolls forward, Aloy crafts the newfound materials into special arrows, and sets three traps with cable-triggered mines. She herds a pack of "grazers," which look like robotic deer, to their explosive deaths. The green liquid-filled packs on the creatures backs, we learn, need to be harvested for some larger purpose.
A very large creature called the Thunderjaw attacks, and the demonstration stops so they can explain the scope. This single creature, we're told, has 550,000 polygons and computational tricks that will be meaningless to anyone without a background in programming. It has heavy weapons, metal shields, and razor mandibles. In battle, we see it fire mortars from its sides. It's futuristic for sure, but it has weak points like every boss in every game. The character shoots off the launchers, then uses them against the machine.
With some well-placed explosive arrows, the Thunderjaw falls, ready to be scavenged. These materials of the machines combine with natural materials to make the weapons and clothing of the world. There's an abundance of bold colors spread across woods, cloths, and metals.
Concept art shows a more robust city that almost looks like a Mediterranean villa meets a Game of Thrones palace. It's unclear how much of civilization has been preserved or recreated over the thousand years between now and this game's adventure. And it's doubly tough to tell, thanks to the developers' hint at some untouched parts of Earth, never before seen by humankind.

Horizon Zero Dawn: a robot-dinosaur hunting game with something to say about life Chris Plante 

“Non avevo capito quanto i cambiamenti climatici fossero irreversibili. Ormai non si può più tornare indietro”. Alan Weisman, scrittore e saggista americano oggi settantenne, snocciola le sue considerazioni mentre è in transito all’aeroporto di Los Angeles. La linea è disturbata, la voce è metallica. Fa spesso delle pause per soppesare le parole, quasi sempre all’insegna del pessimismo. Dieci anni fa pubblicò Il mondo senza di noi (Einaudi), tradotto in 34 lingue, dove raccontava con minuzia maniacale come la Terra cambierebbe se l’umanità di colpo non ci fosse più. Le metropolitane ad esempio verrebbero allagate dopo due giorni, l’asfalto inizierebbe a creparsi al primo inverno, i palazzi prenderebbero a sgretolarsi l’anno successivo. Ora è uscito un videogame ad alto budget fatto in Olanda dalla Guerrilla, Horizon (Sony), che ha costruito un mondo digitale proprio partendo dal quel saggio. “Mi fa piacere”, ci dice Weisman. “Se mi avessero pagato ogni volta che hanno tratto ispirazione dal mio libro oggi sarei ricco. Da quando ho scritto quelle pagine la popolazione mondiale è aumentata quasi di un miliardo di persone. Da 6,6 miliardi a 7,5 miliardi. E’ una pressione enorme che il pianeta non può reggere. Se verranno applicate le politiche di Donald Trump con il ritorno ai combustibili fossili, ai dieci miliardi non ci arriviamo. Il mondo finirà prima”.

E’ il tema di Conto alla rovescia, che ha scritto quattro anni fa. E che Horizon mette in scena aggiungendo la vendetta della natura. Racconta di un pianeta dove la civiltà che conosciamo è scomparsa da secoli. Una Terra popolata di animali selvaggi fatti però di metallo, cavi, sensori. Nuova specie di dinosauri evoluti per proprio conto dai robot che costringono quel che resta di noi a nascondersi in villaggi regrediti alla tarda antichità protetti da palizzate alte sulle creste delle montagne o alla fine di valli profonde. “Il mondo senza di noi è stato la base dalle quale siamo partiti per costruire quest’universo digitale”, ci racconta John Gonzales che ha curato la sceneggiatura. Nato nel 1968, Gonzales ha un piglio diverso da quello dei suoi colleghi: il suo gioco è differente da quel che di media passa su console e non solo per gli scenari mozzafiato. La classica opposizione, comune nel mondo Occidentale, fra natura e tecnologia è stata eliminata. La natura in Horizon è anche tecnologia e ha deciso di metterci da parte.


Elon Musk al World Government Summit di Dubai, pochi giorni fa, ha spiegato che per restare rilevanti dovremmo accettare di divenire esseri in parte cibernetici


Consiglio che l’umanità di Horizon non ha seguito evidentemente. “Siamo sulla soglia di un cambiamento profondo, ben più profondo di quello portato dal digitale e dal Web negli anni Novanta”, commenta Gonzales. “La robotica avrà un impatto enorme. Non ce ne rendiamo ancora conto, o quanto meno non tutti se ne rendono conto”. Fra i pochi Bill Gates, che vorrebbe tassarli, e il Parlamento europeo che vorrebbe si legiferasse in merito. 



Anche Enslaved raccontava la civiltà dopo la fine della civiltà. Videogame uscito nel 2010 del quale in pochi si ricordano malgrado la trama fosse stata scritta da Alex Garland, autore di romanzi memorabili e di splendide sceneggiature per alcuni film di Danny Boyle, 28 giorni dopo ad esempio, poi divenuto regista con Ex Machina. C’è anche Tokyo Jungle, del 2012, trasposizione fedele Il mondo senza di noi. Si potrebbe continuare citando film come Il pianeta delle scimmie o romanzi come Io sono leggenda di Richard Matheson. Tutti legati dallo stesso tema di fondo: la nostra inevitabile autodistruzione. 

Weisman nel 2011 tenne una lezione a Roma. La chiamò: La fine del mondo, una guida all’uso. “E sei anni dopo devo dire che ce la stiamo mettendo tutta per arrivarci”, commenta lui stesso. “Tanti colleghi di Musk, come Raymond Kurzweil (uno dei pionieri del riconoscimento digitale dei caratteri e della vista digitale, ndr.), parlano della necessità di una migrazione dell’umanità verso le macchine. Ma ci sono troppe variabili nella natura perché si possa replicarla. E’ vero però che la tecnologia può aiutarci a ridurre il nostro numero sostituendoci come forza di lavoro. Perché non c’è alcuno altra strada: dobbiamo diventare di meno”. E in questo l’intelligenza artificiale potrebbe dare una mano secondo l’autore americano.

Viene in mente un passaggio di una serie tv. “La coscienza umana è un tragico passo falso dell’evoluzione. La natura ha creato un aspetto della natura separata da se stessa (…). La cosa più onorevole sarebbe smetterla di riprodurci e procedere mano nella mano verso l’estinzione”.  E’ l’antinatalismo ai tempi di True Detective nelle parole del poliziotto Rustin Cohle (Matthew McConaughey), mentre viaggia in macchina con il suo collega nella Luisiana degli anni Novanta. Rievocando la posizione già assunta da personaggi del calibro di Arthur Schopenhauer, Emil Cioran, Sir David Attenborough

“Alla fine quel che mette in scena Horizon non è nemmeno così irrealistico”, conclude Weisman mentre sta per salire sul suo volo. “La natura si sta già vendicando. Pensi ai flussi migratori, pensi ai cataclismi. E non vedo come le cose possa migliorare in futuro”.     


Weisman, il mondo senza di noi: "Attenti, la natura si vendica siamo troppi su questa Terra" JAIME D'ALESSANDRO 03 marzo 2017


THE EXTINCTION VORTEX 5 DICEMBRE 2016



The Climate Apocalypse 23 NOVEMBRE 2016




HI-TECH SEX: the End of Human Reproduction 30 NOVEMBRE 2016




Ti piace?
Posta un commento
Share/Save/Bookmark
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Ratings by outbrain

PostRank